Admin ; 29/01/2018

Palazzo Sirena

Una struttura moderna, rinnovata, polivalente ed annuncia una stagione piena di eventi in un auditorium che si presta al teatro, alla musica, alla convegnistica. Una struttura che ospita al piano terra una Sala Ovale dedicata all’accoglienza ed utilizzabile come polo espositivo per mostre ed eventi culturali, al piano di sopra si trova il nuovo Auditorium, ristrutturato lo scorso anno grazie ad un massiccio intervento di riqualificazione che porta la firma dell’architetto Marcello Borrone, voluto dall’amministrazione comunale guidata da Luciani. Un palco con le quinte, un sistema di illuminazione e di acustica ad hoc per gli eventi e 274 posti a sedere per il pubblico. Cinema, convegni, teatro e musica sono le quattro dimensioni che l’Auditorium potrà ospitare. Per la prima volta dalla costruzione dell’ampliamento, negli anni ‘90, Palazzo Sirena ha il suo certificato di agibilità. Ma non solo, l’opera che a suo tempo venne progettata dagli architetti Raffaele…

http://www.visitfrancavillaalmare.it ; 11/05/2017

Mu.Mi.

Nell'ex Municipio, completamente ristrutturato ed ampliato, è allestita la galleria municipale intitolata all'artista Francesco Paolo Michetti, che visse gran parte della sua vita a Francavilla dal 1873 al 1929, anno della sua morte. Il Museo Michetti (MuMi) è strutturato su diversi livelli:il primo piano è dedicato alle mostre temporanee di giovani artisti locali. Nei piani sottostanti, realizzati ex novo al di sotto di piazza della Rinascita, sono esposti i quadri vincitori del "Premio Michetti" degli ultimi cinquant'anni, come Emilio Vedova, Alfredo Del Greco, Giuseppe De Gregorio, Mario Radice e molti altri. In un'ampia sala posta in quest'ala dell'edificio sono esposte, l'una di fronte all'altra, due immense opere di Michetti: "Le Serpi" e gli "Storpi", già presenti nel palazzo municipale prima dell'istituzione del Museo. Ogni anno, nel mese di luglio, vi si svolge il Premio Michetti, rassegna d'arte contemporanea, che è attivo dal 1947 e che rappresenta un…

http://www.visitfrancavillaalmare.it ; 11/05/2017

Convento Michetti

Poco fuori dell’abitato, su una verde collina che guarda il mare, sorge il complesso edilizio noto con il nome di Convento Michetti. È costituito dalla Chiesa di Santa Maria del Gesù, sorta nel Quattrocento, ma rimaneggiata nel Settecento, e dal piccolo convento adiacente dei Francescani Osservanti, che nel 1885 fu acquistato dal pittore Francesco Paolo Michetti per farne la propria abitazione e per lavorare ai suoi quadri. Accanto alla chiesa si leva il grazioso campanile che culmina a forma di pera, secondo un tipico modello del Settecento. Nel convento si raccolse intorno a Michetti negli ultimi decenni dell’Ottocento un gruppo di artisti che formarono un vero e proprio Cenacolo lavorando in serena comunità di vita. Qui nacquero alcune delle opere maggiori di Gabriele D’Annunzio: il Piacere, che fu il suo primo romanzo nel 1889, il Trionfo della Morte, Le Vergini delle rocce; spesso il ricordo della fervida attività svolta nel Convento emerge nelle sue pagine di memorie.…

http://www.visitfrancavillaalmare.it ; 11/05/2017

La Peschiera

"La Peschiera", nei pressi della chiesetta di San Rocco, è un raro esempio di architettura settecentesca in città. Poco si conosce del passato di questa fonte che faceva parte di un ampio appezzamento di terreno con annessa Fattoria baronale. Presenta un un lago e due fontane d'acqua che fuoriescono da due mascheroni dalle sembianze gorgonee, mentre al centro, in un concavo sulla parete che si staglia contro la collina, si trova una statua in pietra raffigurante un Tritone con in mano un Tridente. Pare, secondo alcune fonti storiche, che l'intero manufatto fosse realizzato su cartoni del Vanvitelli, il celebre architetto della Reggia di Caserta.

http://www.visitfrancavillaalmare.it ; 11/05/2017

Chiesa di San Francesco

Del complesso di S. Francesco a Francavilla al Mare (già S. Giovanni Battista) non rimangono che pochi resti presso la torre Ciarrapico, nel punto più alto dell'antica "Civitella": tracce del muro perimetrale, nel quale si aprono due monofore trilobate, e alcuni pilastrini angolari con capitelli in stile borgognone che permettono di ipotizzare una copertura delle volte a crociera, ma nulla lascia dedurre l'impianto originario della chiesa; per quanto riguarda il convento sopravvive un muro di pietra, a testimonianza dell'antica struttura, fondata presumibilmente nella prima metà del XIV secolo. Il complesso, già in avanzato stato di degrado a causa del suo abbandono dopo la soppressione innocenziana, venne definitivamente distrutto dai bombardamenti alleati durante la Seconda Guerra Mondiale. Scomparve in tal modo anche una delle poche chiese che aveva mantenuto i caratteri originari, che era stata così descritta dal Bindi (Napoli 1889): "La chiesa (...) di stile lombardo,…

http://www.visitfrancavillaalmare.it ; 11/05/2017

Torre Ciarrapico

Purtroppo i bombardamenti subiti nel corso della Seconda Guerra Mondiale, hanno privato Francavilla a Mare di molte testimonianze storiche. Ma non sono andate completamente distrutte le Torri, che svettano ancora tra il verde della vegetazione che cresce tra le colline. Tra queste ricordiamo la Torre d’Argento, che si trova in zona Civitella, la Torre dei Masci in Via Michetti e la Torre Ciarrapico, del seicento. Quest'ultima sorge accanto alla chiesa di San Francesco. La definizione di torre è impropria, si tratta infatti di una dimora signorile a quattro piani elevata tra il Seicento e il Settecento dalla famiglia che l’abitò e che le dà tuttora il nome. La loggia aperta sull’ultimo piano regala un suggestivo panorama sul mare e sulle colline poste a ridosso dell’abitato. Di fronte alla Torre Ciarrapico è possibile vedere una delle antiche torri della cinta muraria del paese: è una costruzione semicilindrica, in pietre miste a laterizi, eretta nel XIII…